Matvei Chizhov | Il “Contadino in difficoltà”

Contadino in difficoltà (крестьянин в беде), Matvei Chizhov, 1873

Contadino in difficoltà”, esposto nella Третьяковская Галерея (La Galleria Tretyakov, Mosca) è una scultura che colpisce l’osservatore con la sua profonda onestà ed emozione. L’artista volle rappresentare un’ esperienza da lui provata: la capanna di suo padre, infatti, bruciò completamente e la sua famiglia perse ogni cosa.

Le immagini di un padre disperato e di suo figlio hanno un grande impatto sul pubblico. Le posizioni delle braccia e delle gambe di ognuno di loro sembrano molto naturali e armoniose e le espressioni sui visi di entrambi sono patetiche e toccanti.
È impossibile non farsi catturare dallo sguardo innocente di questo bambino.

Si può notare come il naturalismo, insito nella scultura, date le severe posizioni della Scuola Antica, si abbandoni a qualcosa di molto meno severo: il sentimento, il dolore del momento. La forza di lasciarsi andare, di non essere sempre forti davanti alle situazioni.

Chizhov, faceva parte di una nuova generazioni di scultori che giocarono un ruolo importante nella storia della scultura russa.

Lo scultore fu invitato anche dal celebre Mikhail Mikeshin, (artista russo che regolarmente lavorò per la famiglia di Romanov e disegnò un numero di statue all’aperto nelle più importanti città dell’Impero russo) a partecipare nel progetto per creare “Il Millenario della Russia“, un grande monumento in bronzo all’interno del  Cremlino di Velikij Novgorod eretto nel 1863 per celebrare i mille anni dall’arrivo di Rurik, tradizionalmente considerato come il punto di partenza della storia russa.