La Mostra di Marc Chagall a Mantova | Come nella  Pittura così nella Poesia

Aprirà al pubblico il 5 settembre e rimarrà aperta fino al 13 gennaio 2019 a Mantova, in contemporanea con il Festivaletteratura, la mostra dedicata a Marc Chagall intitolata Come nella Pittura così nella Poesia. Questo perché il pittore russo fu, assieme ad artisti come Pablo Picasso e Robert Delaunay, una delle massime fonti a cui ispirarsi per poeti, scrittori e critici nel Novecento e non solo. La mostra si realizzerà grazie alla collaborazione con la Galleria di Stato Tretjakov di Mosca, che ha gentilente autorizzato il prestito di alcune delle più significative opere che andranno in mostra, e il Comune di Mantova che fornirà gli splendidi spazi del Palazzo della Ragione. A cura di Gabriella Di Milia è organizzata e prodotta con la casa editrice Electa.

Come anticipato la mostra avrà luogo negli splendidi spazi medievali affrescati del Palazzo della Ragione che sorge nel cuore storico della città ducale. In occasione della mostra infatti gli spazi verranno per la prima volta, dopo un lungo periodo di restauro, restituiti al pubblico e vedranno l’inizio di una nuova valorizzazione tramite l’avvio, Chagall è la prima tappa, di un ciclo triennale di mostre dedicate al Novecento. L’imponente mostra esporrà ben 130 opere tra cui il ciclo completo dei 7 teleri dipinti da Chagall del 1920 per il Teatro ebraico da camera di Mosca: opere importanti perché sono una delle poche testimonianze dell’arte pura e senza nostalgie del pittore. La mostra sarà accompagnata da un catalogo edito da Electa che, oltre a restituire le influenze e contaminazioni artistiche e culturali che Chagall assorbì vivendo tra San Pietroburgo, Parigi e Mosca, racconta l’influenza che il pittore russo esercitò su poeti, artisti, letterati dell’inizio del secolo scorso e da qui l’idea di aprire la mostra in concomitanza con il Festivadellaletteratura di Mantova.

Marc Chagall nasce a Lyozno in Bielorussia nel 1887. Studia alla Scuola Imperiale di Belle Arti di San Pietroburgo ed espone nel 1912 al Salon des Indépendants di Parigi assieme a pittori d’avanguardia come Paul Cézanne e Vincent van Gogh. Il suo mondo poetico è influenzato dai colori dei Fauves e dall’ingenuità infantile fiabesca sempre profondamente radicata nella tradizione russa, i suoi soggetti attingono spesso dal mondo biblico proprio come nel caso delle opere realizzate per il Teatro ebraico di Mosca. Le sue figure si lasciano portare dal vento, occupano uno spazio in cui l’orientamento non esiste più. Il sotto e il sopra si equivalgono: come nei sogni, tutto è possibile e vero. Con il tempo la pittura di Chagall supera i contorni dei corpi espandendosi sulla tela. In tal modo l’opera si costruisce per grandi macchie o fasce di colori. La figura diviene, così, partecipe della stessa natura e questa delle forme create, il colore diventa indipendente dalla forma.

Per info. e prevendita biglietti: http://www.chagallmantova.it

Immagini: © The State Tretyakov Gallery, Moscow, Russia © Chagall ®, by SIAE 2018