Jürgen Lingl-Rebetez: quando una motosega plasma un’opera d’arte

Assurdo pensare che, nell’ambire ad una certa originalità artistica, si possano utilizzare strumenti decisamente poco consoni alla precisione e alla raffinatezza normalmente ricercate per la creazione di opere d’arte. Ma una mente originale e sperimentale come quella di Jürgen Lingl-Rebetez non poteva che smentire tale idea di conformità.

Jürgen Lingl-Rebetez è un artista tedesco, nato in Baviera il 21 agosto 1971, precisamente a Bad Tölz. La passione per la pittura e per il disegno dei più svariati soggetti ( tra animali, persone e paesaggi) fu attiva in lui fin dall’infanzia: essa lo portò, all’età di 20 anni, alla prima esibizione dei suoi studi di nudo, creati con varie tecniche artistiche, presso una galleria d’arte di Dachau, la stessa città dove precedentemente si diplomò (Josef-Effner Grammar School). Successivamente Jürgen Lingl-Rebetez si specializzò in scultura lignea grazie al suo apprendistato presso il maestro Hans-Joachim Seitfudem, noto artista tedesco e abilissimo scultore, per poi trasferirsi in Svizzera nel 1996 e diventare un artista indipendente.

L’intaglio del legno si basa sul modellare un oggetto per sottrazione, ovvero si sottrae del materiale dal blocco grezzo intagliando,incidendo o asportando parte del legno. Quest’ultimo, pur essendo un materiale generalmente malleabile, possiede caratteristiche di robustezza e resistenza e ne esistono svariate tipologie (per praticità raggruppati in legni dolci e duri): questo è uno dei motivi per cui l’arte della scultura lignea si affina lentamente, acquistando sempre più esperienza sia puramente manuale sia nella scelta del legno più adatto ai propri scopi. Le straordinarie abilità nella scultura lignea di Jürgen Lingl-Rebetez,insieme alla sua formazione classica, gli hanno permesso con il tempo di spaziare tra la realizzazione di raffigurazioni simboliche e religiose, nudi e specialmente figure di animali.

Quello che rende speciale l’arte di questo artista risiede nella volontà di catturare in primis lo spirito del soggetto da rappresentare: la motosega utilizzata per dare le prime forme al pezzo di legno non consiste in un mezzo casuale o di puro anticonformismo, ma si rivela essere una modalità con cui oltrepassare le forme precise e lasciarsi trasportare dall’idea di quel determinato soggetto, focalizzandosi sul trasmettere lo spirito interiore che lo anima. Tuttavia, nella sua concezione di arte, dar maggior rilievo a quello che non è materialità non è sinonimo di assenza di realismo: dopo aver sbozzato attentamente il legno con la motosega, Jürgen Lingl-Rebetez mira a dar verosomiglianza al corpo in cui quello spirito è intrappolato: grazie infatti al successivo uso dei tradizionali strumenti da intaglio ( come scalpelli e bulini) e alla finale stesura di colori ad olio,il realismo che ne risulta è decisamente impressionante.

Le opere di Jürgen Lingl-Rebetez, stabilitosi in Francia dal 1999, sono esposti sia in collezioni private sia in collezioni pubbliche presenti in tutta Europa, USA, Canada, Russia, Australia, Singapore e HongKong.

[da: leonhardsgallery.com]
[da: leonhardsgallery.com]
[da: leonhardsgallery.com]
[da: leonhardsgallery.com]
Per ulteriori informazioni sull’artista e per le opere: leonhardsgallery.com